fbpx

Per qualcuno le piscine all’aperto rappresentano una tradizione estiva. La piscina è un mito che risale ai primi anni ‘20 del Novecento, quando alcune personalità del mondo dell’architettura si prodigarono per arricchire il patrimonio della città con attrezzature sportive e ludiche.

Oggi sembra essere esplosa la passione per la trasformazione delle piscine in vere e proprie opere d’arte.

Le tre piscine di Alex Proba

Le piscine grafiche della designer Alex Proba sono una celebrazione del colore e del motivo. Sono famose le piscine di due case di Palm Springs e un murales dipinto sul ponte di una piscina pubblica sull’isola Roosevelt di Manhattan. Si tratta di tre murales che evidenziano le forme distintive di Proba e l’uso giocoso del colore, che lui stesso descrive così: “è prova ed errore. Il più delle volte è un’inclinazione naturale per me scegliere un colore o un motivo rispetto a un altro”. Ognuno dei progetti è unico, ma tutti sono guidati dal desiderio istintivo di Proba di creare immagini dinamiche.

Una piscina dipinta si trova a Marrow House, una residenza privata a Rancho Mirage in California. Il design della piscina Rancho Mirage è un’esplosione di forme curve colorate per contrastare la geometrica casa della metà del secolo progettata dall’architetto americano Donald Wexlere e la forma angolare della piscina stessa. All’estremità bassa, forme simili a petali si attorcigliano fino a una grande sfera rosa e arancione che cade lungo i gradini della piscina. L’estremità profonda è invece dipinta in tonalità turchesi.

Un’altra piscina dipinta dalla designer Proba si trova a Hill House, un Airbnb a Palm Springs. Qui la piscina è decorata in colori accesi, dipinti l’uno sull’altro per formare un gruppo di colori accanto a forme simili a piante blu e viola, collegando perfettamente tutto l’insieme del murales. Alcune forme, invece, hanno un’unica tonalità, mentre altre sono finemente decorate con delicate macchie. Sottili linee nere si snodano attraverso le forme colorate, aggiungendo dettagli sottili ai disegni audaci.

Per Roosevelt Island a Manhattan, Proba ha dipinto un murales sul ponte di una piscina pubblica per un progetto curato da K&CO e Pliskin Architecture. È una “festa della forma”, un caleidoscopio di colori contrastanti. Dipinto durante il 2020, il murales desidera essere celebrativo e speranzoso.

Altre piscine d’autore

piscine

Altri designer e artisti di tutto il mondo celebrano le potenzialità delle piscine sia in spazi pubblici sia in spazi privati.

L’iconico murales della piscina dell’Hotel Roosvelt ad Hollywood è opera dell’artista David Hockney, famoso per i suoi contributi al movimento pop art degli anni ’60. La leggenda narra che nel 1988, l’artista decise di lasciare il suo segno sul fondo della vasca vuota utilizzando un pennello montato su un manico di scopa.

Nel parco di sculture Jupiter Artland di Edimburgo, Joana Vasconcelos ha realizzato Gateway, una piscina decorata con variopinte linee prese dalla sua carta astrologica personale. Sono ben 11.366 le piastrelle dipinte a mano e prodotte artigianalmente in Portogallo.

Nella piscina realizzata da Luke Edward per la casa di vacanze in Portogallo del designer belga Jean-Philippe Demeyer è stata ricreata la scena ispirata agli atleti olimpici, alla natura e ai colori del luogo, in particolare dal blu dei tradizionali azulejos.

A Stoccolma Folkform ha installato un murales in vetro e ceramica, realizzato con oltre mille pezzi, in una piscina pubblica coperta.

Porta la firma del maestro Gio Ponti la grande piscina del Royal Hotel di Sanremo. È unica nel suo genere in quanto è riempita con acqua di mare a 27°C. Ma non solo: Ponti decide di sconvolgere i canoni dell’epoca realizzando la piscina in forme molto morbide e rotondeggianti, non rettangolari. “Odio le piscine rettangolari. Sono rettangolari i laghi, i fiumi? Voglio delle piscine per ninfe. E in cui ci si tuffi dall’alto di un albero. E che abbiano un bar a fior d’acqua”.

Pensate che anche Pablo Picasso, ospite dall’amico e ballerino di flamenco Antonio El Bailarin, decise di disegnare sul fondo della piscina di Villa El Martinete a Marbella, lasciando alla casa un pezzo unico di patrimonio artistico.