fbpx

È fondamentale progettare le scuole affinché siano confortevoli e rispettino gli standard edilizi imposti dalle normative. Dall’emergenza sanitaria, nasce anche la necessità di ripensare alle strutture educative per garantire la riduzione di rischi dovuti al contagio da Coronavirus. Negli ultimi anni, inoltre, si ipotizza di rendere sempre di più le scuole sostenibili e innovative, dal punto di vista strutturale ed energetico, in modo da favorire l’apprendimento degli studenti.

Il programma HEAD

Un ambiente scolastico ben progettato, oltre a favorire il benessere degli studenti, contribuisce a migliorare le capacità di apprendimento. Tra i vari studi, vi è il programma HEAD (Holistic Evidence and Design), realizzato dal professore Peter Barrett e dal suo team di esperti in design scolastico presso l’Università di Salford, nel Regno Unito. Il programma HEAD mette in evidenza l’effetto che la progettazione architettonica ha sull’apprendimento di bambini e di ragazzi, rivelando quali sono gli elementi da considerare nella progettazione delle scuole e delle aule scolastiche per favorire l’apprendimento:

  • Illuminazione naturale
  • Qualità dell’aria interna
  • Qualità acustica degli ambienti
  • Temperatura interna
  • Aspetti legati al design dell’aula

 

Come progettare le scuole?

L’aula tradizionale costituisce uno strumento didattico inadeguato alle esigenze formative attuali che invece necessitano di spazi polifunzionali e modulari. Non è più in linea con le tecnologie utilizzate, con gli obiettivi e le competenze che sono parte integrante di un sistema in evoluzione. L’architettura assume un ruolo fondamentale perché la soluzione è che ogni aula delle scuole sia ben progettata, tenendo conto in primis dei fattori naturali (luce, temperatura e qualità dell’aria) ma anche del design delle aule.

Come migliorare l’illuminazione naturale nelle aule scolastiche? È necessario intanto stabilire l’orientamento del fabbricato e la posizione delle aule affinché sia garantita la presenza di luce naturale per la maggior parte delle ore diurne scolastiche. Inoltre, integrare soluzioni architettoniche frequenti e ben collaudate per l’illuminazione naturale, come finestre apribili e lucernari.

Come migliorare la qualità dell’aria? Con una ventilazione adeguata, fondamentale per migliorare le condizioni di benessere degli alunni, fornita meccanicamente utilizzando ventilatori e flussi d’aria naturali attraverso porte e finestre aperte. Si può ricorrere anche a sistemi di ventilazione meccanica, che possono garantire un livello ottimale di qualità dell’aria, anche nei mesi più freddi.

Come migliorare la temperatura nelle aule? Utilizzando la schermatura solare e la ventilazione naturale in estate per evitare temperature interne elevate che potrebbero ridurre le capacità di apprendimento. Nella progettazione scolastica è necessario predisporre l’edificio di ventilazione meccanica, efficiente dal punto di vista energetico e integrabile con l’uso sistematico della ventilazione naturale e progettare finestre sulla facciata e a tetto per consentire un flusso d’aria efficiente attraverso lo spazio.

L’apprendimento degli studenti è influenzato anche dal design. Il nuovo modello promosso dal centro REAL nel Regno Unito prevede un ampio spazio aperto diviso in diverse “zone di apprendimento” caratterizzate da arredi flessibili e tecnologie integrate che consentono di sperimentare nuovi approcci didattici.