fbpx

Ingegneri: crescono gli iscritti all’Albo grazie alle donne

ingegneri

Secondo gli ultimi dati disponibili il recente incremento degli iscritti all’Albo degli ingegneri è in gran parte determinato dalla costante crescita delle donne ingegneri. Segno che la componente femminile sta diventando sempre più importante nel settore. È quello che dichiara il Presidente del Consiglio Nazionale Ingegneri, Armando Zambrano.

Albo Ingegneri: +17% di iscrizioni

Secondo il Centro Studi CNI i professionisti iscritti nel 2021 sono 244mila e le iscrizioni, aumentate del 17,1%, sono un migliaio in più rispetto all’anno prima. Il dato che incuriosisce è relativo alle donne ingegneri: nel 2021 sono il 16% contro il 15,7% del 2020.

Sebbene i dati ipotizzino un allontanamento dei laureati in ingegneria rispetto all’Albo professionale, gli iscritti continuano ad aumentare, incremento dovuto, come già detto, dalla componente femminile. Sono 1190 iscritti in più quest’anno, fatto sicuramente positivo per il Consiglio Nazionale Ingegneri, che da tempo lavora affinché gli Ordini diventino maggiormente attrattivi verso gli ingegneri con il potenziamento di servizi offerti agli iscritti: formazione, certificazione delle competenze, selezioni delle migliori offerte di lavoro.

Preoccupa il mancato decollo del ricambio generazionale. Infatti, col tempo si riduce la quota degli ingegneri laureati con il vecchio ordinamento iscritti a tutti e tre i settori e aumenta quella degli ingeneri monosettoriali, laureati secondo il nuovo ordinamento e che hanno la possibilità di iscriversi a un solo settore, salvo casi particolari. Questo comporterà una riduzione progressiva della quota di iscritti a tutti e tre i settori fino a scendere nel 2020 sotto la soglia del 60%, mentre nel 2015 sfiorava il 70%.

L’iscrizione all’Albo è presa in considerazione soprattutto dagli ingegneri del settore civile ed ambientale. Oggi, infatti, il numero complessivo di ingegneri del settore industriale e di quello dell’informazione non arriva nemmeno alla metà di quello degli iscritti al settore civile ed ambientale. Considerando tutti gli iscritti, la quota che appartiene al settore civile ed ambientale, esclusivamente o parallelamente ad altri settori, è pari all’83,2%.

Il ricambio generazionale non è sufficiente a un adeguato ringiovanimento dell’Albo. Gli under 40 passano dal 25,1% del 2020 al 24,2%. Per contro, gli over 65 aumentano dal 15 al 15,6%. Sono ben 36 gli ingegneri che hanno raggiunto o superato i 100 anni di età.

Condividi:

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on linkedin
LinkedIn