L’Azienda

Con l’esperienza maturata in 30 anni di attività, TCS è il partner ideale per architetti e ingegneri impegnati in interventi di consolidamento strutturale con particolare attenzione alle strutture in muratura e alle opere di restauro storico.

Case History

Il patrimonio architettonico italiano ed europeo è in gran parte costituito da edifici in muratura, realizzati nei primi decenni del secolo scorso, spesso di interesse storico-architettonico. Gli eventi sismici degli ultimi anni hanno dimostrato ancora una volta l’elevata vulnerabilità di queste strutture e reso necessari interventi di consolidamento e miglioramento sismico. Negli ultimi anni sono state proposte diverse tecniche di consolidamento che prevedono l’utilizzo di materiali compositi fibrorinforzati. Questi materiali presentano numerosi vantaggi rispetto alle tecniche tradizionali: leggerezza, velocità di messa in opera, versatilità ed elevate caratteristiche meccaniche. È possibile individuare due principali classi di materiali compositi per il rinforzo strutturale: FRP (Fiber Reinforced Polymer) e TRM (Textile Reinforced Mortar) più comunemente conosciuti come FRCM. Per quanto riguarda il consolidamento di elementi in muratura, gli FRP più utilizzati sono costituiti da tessuti unidirezionali applicati con resina epossidica. Questo sistema presenta numerosi vantaggi ed elevate proprietà meccaniche, ma non possiede proprietà di traspirabilità e compatibilità che sono consigliabili in interventi su murature storiche. I sistemi TRM o FRCM sono invece costituiti da tessuti o reti in fibre (carbonio, vetro e acciaio) applicati con una matrice inorganica, a base calce o cementizia. Questi sistemi presentano notevoli vantaggi nel rinforzo di strutture in muratura. Il caso di studio riguarda il consolidamento di una casa in terra. Sì, proprio in terra: pareti portanti create da terra battuta con la tecnica del Pisé. In pratica dei muri realizzati con casseforme rimovibili in legno dove all’interno viene depositata e battuta terra poco umida. L’edificio è stato rinforzato in prossimità di nuove aperture e/o allargamenti oltre ad essere stato cerchiato con sistemi FRCM realizzati da malta di calce idraulica naturale NHL 5 e tessuti in fibra di vetro alcali resistente a bassissimo spessore (circa 1 cm). All’interno dell’edificio sono presenti delle volte in foglio di mattoni pieni che avevano bisogno di consolidamento. Proposta la metodologia composta da FRCM si è poi proceduto a realizzare delle prove di rottura su una volta che sarebbe stata demolita in ogni caso per ospitare un vano scala. Sulla sono stati testati tre differenti sistemi di rinforzo ovvero CFRP, FRCM con calce e vetro e FRCM con calce e tessuto unidirezionale in acciaio inox. I risultati ottenuti hanno confermato l’impiego di sistemi FRCM.

Scheda Prodotto

FORTIUS

È l’innovativo sistema di rinforzo strutturale indicato per edifici in muratura con particolare attenzione agli edifici di pregio architettonico.
Il sistema è composto dai seguenti elementi:
• B-STRUCTURA: malta di pura calce NHL5 di Saint Astier e Metacaolino;
• TCS TWIST: barre elicoidali Thor Helical in acciaio inox per inserimenti a secco;
• TCS GLASS MR44 48 88: reti in FRP alcali resistente di nuova produzione con tecnologia Pullweaving.
La matrice di calce pura permette di ottenere un sistema perfettamente compatibile con murature esistenti garantendo ottime adesioni al supporto e la traspirabilità della muratura. Il sistema è indicato per elementi in mattoni, pietra, tufo, calcare, miste, pavimentazioni, solai e volte.
Le barre elicoidali consentono la realizzazione di connessioni completamente a secco senza l’impiego di miscele da iniezione.
Le reti di nuovissima generazione forniscono resistenza a trazione alla muratura garantendo un consolidamento in grado di prevenire la disgregazione del muro rendendolo monolitico. La rete permette inoltre di bloccare i meccanismi di ribaltamento e di rottura per taglio.
Ideale nel miglioramento e adeguamento sismico e statico.
Il sistema è stato testato presso i laboratori del Politecnico di Milano.
Per maggiori dettagli di posa e per vedere i test consultate: http://www.tcscalce.it/it/video

CARBO-STRUCTURA

CARBO-STRUCTURA è un sistema di consolidamento strutturale FRP realizzato mediante l’impiego di fibre lunghe e continue di carbonio immerse in una matrice polimerica.
Il sistema è composto dai seguenti elementi:
• TCS CARBON U300, tessuto unidirezionale in fibra di carbonio ad alta resistenza;
• MC256/W256, sistema epossidico bicomponente per l’impregnazione e l’incollaggio.
CARBO-STRUCTURA viene impregnato in situ (manual wet lay up) pertanto la realizzazione del composito inteso come fibra e matrice avviene direttamente in cantiere.
Il sistema può essere applicato a strutture in muratura, c.a., c.a.p. e legno.
L’impiego del sistema FRP è ideale per:
• rinforzo a flessione, taglio, compressione, torsione e pressoflessione;
• fasciature e incrementi di duttilità;
• cerchiature ed incatenamenti;
• rinforzo di elementi a singola e doppia curvatura.
Nello specifico:
• variazioni di carico statico;
• variazioni di carico dinamico;
• azioni nel piano e fuori dal piano;
• correggere la gerarchia delle resistenze;
• contrastare i meccanismi di collasso.
Il sistema è stato testato presso i laboratori del Politecnico di Milano ed ha ottenuto il Certificato di Idoneità Tecnica all’impiego secondo le “Linea Guida per la identificazione, la qualificazione ed il controllo di accettazione di compositi fibrorinforzati a matrice polimerica (FRP) da utilizzarsi per il consolidamento strutturale di costruzioni esistenti.”
Per maggiori dettagli: http://www.tcscalce.it/it/sistema-carbo-struttura

Pagina Pubblicitaria

Relatori Tecnici

Eventi a cui partecipiamo